Piergiorgio Odifreddi

“A piccole dosi conto la crisi di astinenza dalla matematica”

Venerdì 14 giugno ore 21 –

Villa Pallavicino (Pilastro di Langhirano)

Una grande storia della creatività, da Pitagora ad Omero sino a Escher, Nabocov e B.Russel.

L’espressione massima della libertà del pensiero, una esplorazione dei limiti della religione.

Matematica pura, la più affascinante, l’unica davvero libera di esplorare mondi immaginari. Una materia che può aspirare a definirsi la creazione più originale dello spirito umano.

Bio Piergiorgio Odifreddi
Piergiorgio Odifreddi (1950) ha studiato matematica in Italia, Stati Uniti e Unione Sovietica, insegnato logica matematica presso l’Università di Torino e la Cornell University (Usa), e collaborato con La Stampa, Repubblica, Domani e Le Scienze.

Nel 2011 ha vinto il Premio Galileo per la divulgazione scientifica, e i suoi libri divulgativi più noti sono Le menzogne di Ulisse (2004) sulla logica, C’è spazio per tutti (2010) sulla geometria, e Il museo dei numeri (2013) sull’aritmetica.

E’ autore di noti best-seller che hanno diviso i lettori tra gli ammiratori e i detrattori, quali Il Vangelo secondo la Scienza (1999), Il matematico impertinente (2005), Perché non possiamo essere cristiani (2007), Il dizionario della stupidità (2016) e La democrazia non esiste (2018).

Dopo aver scritto un libro come lettera aperta a Benedetto XVI nel 2011, ne ha ricevuto una lunga risposta pubblica nel 2013, e ha pubblicato con il papa emerito Caro papa teologo, caro matematico ateo (2013).

I suoi ultimi libri sono Il Dio della logica. Vita di Kurt Gödel (Longanesi, 2018), Il genio delle donne (Rizzoli, 2019) e Ritratti dell’infinito (Rizzoli, 2020).