Giordano Bruno Guerri

“La vita come opera d’arte. Gabriele D’Annunzio.”

Venerdi 14 giugno, ore 18  – Villa Pallavicini

Un avvincente quanto inusuale racconto dell’esistenza del poeta fatto dal Presidente del Vittoriale, attraverso un apparato di aneddoti che riescono a tratteggiare con la precisione dello storico, e la cultura dell’autore, un ritratto sentimentale del Vate, che conquista, convince, spiega.
D’Annunzio giovane studente ribelle, poeta, romanziere, libertino, amante, padre, soldato, guerriero, rivoluzionario, politico, influencer ante litteram in un’Italia, un’Europa di un secolo fa, col segreto proposito di liberare D’Annunzio da pregiudizi che sembravano inestirpabili.
Giordano Bruno Guerri è uno storico, saggista e giornalista italiano, noto studioso del XX secolo, in particolare del ventennio fascista e dei rapporti tra italiani e Chiesa Cattolica.
Ha scritto numerosi libri tra i quali Ebo e Gina storia della sua famiglia pubblicato come allegato al Corriere della Sera.
Iscrittosi alla facoltà di Lettere moderne in Cattollica collaborò come opinionista al Giornale di Montanelli, successivamente fu direttore editoriale della Mondadori prima della sua partenza per New York dove rimase 4 anni.
Dal 2008 è Presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani  cui ha dato uno slancio enorme portandola da 146.000 visitatori a 265.000.
Autore di numerose pubblicazioni tra le quali spiccano le biografie di Ernesto Bonaiuti, Gabriele D’Annunzio e Filippo Tommaso Marinetti.